Alimentazione del gatto: tutto quello che dovreste sapere

Per accudire al meglio un animale, la prima cosa da fare è concentrarsi sulla sua alimentazione. Una buona alimentazione, difatti, consente il protrarsi di un buono stato di salute ed evita l’insorgere di malesseri e malattie di sorta. Per quanto riguarda l’alimentazione del gatto vi sono alcune regole da seguire e alimenti da evitare, che procediamo ad illustrarvi.

Cosa mangia il gatto, e a cosa fare attenzione?

Anzitutto, il gatto è un animale carnivoro, pertanto la sua alimentazione deve necessariamente essere ricca di proteine animali: carne e pesce, in particolar modo pollo e frattaglie (facendo attenzione al fegato che, in grosse quantità, potrebbe creare dei problemi di digestione). Generalmente, sebbene il gatto ne vada ghiotto, è buona norma evitare di somministrargli carne cruda per evitare intossicazioni. Inoltre, è necessario sia ben disossata, per evitare che dei pezzi possano bloccarglisi in gola o andargli di traverso, ferendolo.

Nonostante in natura il gatto sia carnivoro, però, per il gatto domestico è necessaria una dieta onnivora. Il perché è presto detto: il gatto selvatico si muove molto di più, ed è maggiormente abituato a digerire solamente carne. Il gatto domestico, invece, ha perso tale capacità, e una dieta esclusivamente carnivora potrebbe causargli vari problemi dovuti alla mancata espulsione delle tossine contenute nella carne durante la digestione. Chiaramente il tutto deve essere ben bilanciato: non crediate il gatto possa nutrirsi solamente di verdura e vegetali, come purtroppo sembra andare di moda negli ultimi anni.

Per il resto, nell’alimentazione felina risultano tutt’altro che indispensabili i carboidrati, e assolutamente vietati gli alimenti dolci e zuccherati.

Altro aspetto al quale è necessario fare attenzione è la corretta idratazione del gatto. Oltre a mantenere a sua costante disposizione una ciotola piena d’acqua fresca, infatti, è preferibile nutrirlo con alimenti umidi piuttosto che con alimenti secchi – sempre, ovviamente, prestando la giusta attenzione alla qualità dell’alimento in sé. Purtroppo i gatti possono dimostrarsi parecchio schizzinosi riguardo la consistenza e la “forma” del cibo: ci sono gatti, ad esempio, che provano fastidio nel mangiare alimenti umidi perché… sporcano loro i baffi!
Fortunatamente in commercio vi sono cibi dalle diverse consistenze, per poter trovare quello che maggiormente rispecchia i gusti del vostro felino. Tuttavia, il cibo secco resta comunque un’ottima alternativa durante i mesi estivi, poiché si deteriora meno facilmente. Ovviamente le dosi e le quantità vanno regolate a seconda dell’età e della taglia del vostro gatto; le trovate facilmente indicate sulla confezione.

Cosa evitare?

Passiamo, dunque, agli alimenti da evitare. Anzitutto i cibi dolci e zuccherati, specialmente il cioccolato che risulta altamente tossico e pericoloso se ingerito. Stesso discorso per quanto riguarda i cibi contenenti caffeina.
Generalmente i gatti adulti hanno parecchie difficoltà nel digerire il latte, che possono portare a gonfiore e dissenteria. I prodotti caseari vengono in genere tollerati un po’ meglio, ma in linea di massima sarebbero da evitare anch’essi. Infine, come già accennato, evitate di somministrare carne o pesce crudi al vostro animale, per evitare intossicazioni, e abbiate cura di rimuovere tutte le ossa prima di metterglielo nella ciotola.

Commenti

commenti

Potrebbero interessarti anche...